L'immagine aziendale come valore aggiunto. Un concentrato della 
conoscenza dell'azienda

Danza e ballo folk

 

Il concetto di «danza tradizionale»

L'immagine aziendale come valore 
aggiunto. Un concentrato della conoscenza dell'azienda

Si parla di danza tradizionale (o popolare) in riferimento al repertorio coreografico rurale, in opposizione al repertorio cittadino (come la “danza di società”). Il termine «danza tradizionale» tende a conciliare concetti molto diversi tra loro, apparsi nel corso degli ultimi due secoli, come la «danza nazionale» (soprattutto nell'Ottocento), il «ballo folkloristico» (sinonimo maggiormente usato dopo la Seconda guerra mondiale), «balli etnici» (riferito alle danze extra-europee) o «danze popolari» (che mettono insieme il ballo di città con il ballo di campagna)

Apparso sulla scia del termine “ballo folk”, il termine indica le danze proprie di una regione, di un villaggio, che vengono trasmesse per imitazione. Oggi queste danze vengono "rimesse in scena" dai gruppi folklorici. La rimessa in scena non è mai uguale all'originale, infatti ci sono pro e contro:

 

Ballo folk

Immagine aziendale, creazione siti web 
dinamici, siti dinamici per tutti

L'espressione «ballo folk» è nata tra le due guerre e deriva dell'inglese folk dance. Il folklore è letteralmente la scienza del popolo: etimologicamente «folklore» è l'unione di "folk" ('popolo' in tedesco) e "lore" ('conoscenza' in sassone, da cui l'inglese learn).
In Italia esiste una ricca tradizione di balli folk: dai balli delle valli occitane ai balli dell'alto Veneto, dal liscio romagnolo al saltarello della Ciociaria, dalla tarantella napoletana ai balli sardi.
In Romagna è nato il ballo liscio, che, a partire dal dopoguerra, ha avuto un grande successo e si è diffuso in tutta Italia. È un ballo di coppia; il nome deriva dal fatto che il piede dei ballerini deve scivolare sulla pista.

Sono comprese nel ballo liscio tre danze:

La FIDS (Federazione Italiana Danza Sportiva) riconosce il liscio romagnolo come danza a sé stante. Fa parte della FIDS anche il liscio piemontese. Le due danze formano una categoria denominata Liscio unificato che fa parte della macrocategoria "Danze nazionali".